The Spreaker from iHeart Dispatch #6

Si conclude il primo ciclo della nostra rubrica mensile dedicata al mondo del podcast a firma Spreaker from iHeart, accolta all’interno di Questioni d’Orecchio di Andrea de Cesco. In questi sei mesi, abbiamo intervistato alcuni dei responsabili a capo dei team che compongono l’ecosistema di Spreaker, che ci hanno raccontato il loro lavoro e il loro punto di vista.
Abbiamo scelto di concludere (momentaneamente) questo nostro piccolo-grande intervento con Francesco Baschieri, CEO di Spreaker from iHeart, che ci racconterà qualche ultima news dall’universo Spreaker in Italia, partendo dalla condivisione di alcuni dati aggiornati (dalle categorie di podcast maggiormente prolifiche a quelle dove si hanno maggiori ricavi dall’advertising).

È facile andare in barca a vela quando soffia il vento teso, lo è molto meno quando il vento è poco: bisogna mantenere alta l’attenzione e osservare anche le più piccole variazioni per capire come continuare a navigare. Lo stesso vale per il nostro settore: non sono sufficienti le letture di crescite radicali (che pure ci sono state, prova ne è l’Italia stessa negli ultimi due anni!) o attendere vistosi mutamenti per poter analizzare il panorama, in certi casi è bene osservare i micro cambiamenti, le minime oscillazioni, che possono talvolta provocare in futuro delle rivoluzioni.

Con questa nuova esposizione di dati Spreaker vogliamo scattare un’istantanea, mostrare un andamento, senza dare letture sociologiche che lasciamo a chi di dovere.

Abbiamo quindi scelto di confrontare le tendenze di questi ultimi mesi gennaio-maggio 2022 sulla nostra piattaforma Spreaker con i dati rilasciati a gennaio 2022 che prendevano in esame il periodo luglio-dicembre 2021, proponendo il confronto Italia-Spagna e aggiungendo un’istantanea delle categorie di podcast a livello mondiale preferite dagli inserzionisti per pianificare i loro spot audio.

Il parallelo con i cugini spagnoli ci è nuovamente tornato utile: continuiamo a essere gli unici Paesi europei a crescere in modo significativo, sia lato produzione – a conferma di questo, alcuni movimenti delle case di produzione mostrano uno scenario in continuo fermento – sia lato ascolto. Italia e Spagna sono infatti i soli Paesi europei nella Top 5 dei Paesi in crescita per ascolto: in pole position gli Stati Uniti, seguiti appunto da Italia, Messico, Spagna e Brasile.

Un secondo posto, il nostro, che racconta un Paese a tutti gli effetti diventato consumatore di podcast, non solo creatore appassionato. Non stupisce quindi che l’inglese, lo spagnolo e l’italiano siano anche le lingue più usate nella creazione di podcast (seguono il portoghese e il turco, rispettivamente in crescita dell’11% e del 6% nel solo mese di maggio 2022).

Se confrontata con la classifica di gennaio (dati Spreaker luglio-dicembre 2021), notiamo che la Top 5 italiana delle categorie più amate per la creazione di podcast non si discosta eccessivamente: al primo posto troviamo infatti la vasta categoria “Cultura e Società”, seguita da “Arte” e poi “Notizie”, mentre “Istruzione” occupa il quarto posto, appartenuto a “Economia”, ora ultima.

Anche nella Top 5 spagnola delle categorie più gettonate dai creator le prime tre – “Cultura e Società”, “Istruzione”, “Arte” – sono le medesime analizzate a gennaio, mentre la posizione delle ultime due si inverte e troviamo “Economia” al quarto posto, mentre “Salute e Benessere” scivola al quinto.

Passiamo all’ascolto: per quanto riguarda l’Italia, l’unica a mantenere una salda terza posizione è “Cultura e Società” (calata di due punti percentuale rispetto alla scorsa Top 5), con podcast come Storie di Geopolitica di Nova Lectio. Cambiano posizione il primo e il secondo posto, che si invertono, per cui “Notizie” apre la Top 5, con podcast seguitissimi come Corriere Daily e Le news di Sky Tg 24; “Storia” segue subito dopo: tra i più ascoltati l’intramontabile Il podcast di Alessandro Barbero: Lezioni e Conferenze di Storia, ma anche Storia d’Italia di Marco Cappelli. L’inversione riguarda anche il quarto e quinto posto, sale “Notizie del giorno” (tra i podcast daily news più seguiti, ANSA Voice daily e 100 secondi con Enrico Mentana), mentre scende “Calcio”, dove troviamo oltre a La Riserva, anche lo show Maracana.

La Spagna per quanto riguarda l’ascolto mantiene al primo, secondo e terzo posto le stesse categorie della lettura di gennaio, ovvero “Cultura e Società” (tra i podcast, La Noche de Dieter, format di opinioni e analisi su fatti di attualità),Notizie”, con podcast come La Cafetera, programma quotidiano di radiocable.com, eSalute e Benessere”, con El podcast de Cristina Mitre con interviste a esperti della cosmetica, della nutrizione e del benessere. Mentre si invertono le ultime due posizioni: al quarto posto “Cronaca Nera” (con Crímenes. El musical, podcast che fa rivivere i crimini più noti del XIX secolo al ritmo di cori e musica), al quinto “Tecnologia”, con podcast come ¿Por qué no te habré hecho caso? con Santiago Siri y Hernán Zin, dove si parla di blockchain, criptovalute e NTT con ironia e divertimento.

TOP 5 DI CATEGORIE DI PODCAST PER RICAVI ADV
Negli Stati Uniti, nel 2021 i ricavi pubblicitari nei podcast hanno registrato 1,4 miliardi di dollari; in Europa, la ricerca dello IAB Europe ha recentemente rilevato una crescita di oltre il 50% rispetto all’anno precedente per quanto riguarda le spese in digital audio advertising: segnali più che rilevanti in un mercato in continua espansione.

Scegliere su quale categoria di podcast investire di certo non è così semplice. Sono diverse le valutazioni da fare, ed è importante farsi sostenere da partner tecnologici affidabili, impegnati a supportare podcaster e media agency in queste transazioni. Va detto che spesso l’obiettivo dei buyer non è solo investire sulla categoria, ma su una determinata audience: in questo senso Spreaker sta attualmente ottimizzando il supporto alla vendita con una sempre più definita targetizzazione del pubblico di ascoltatori, non escludendo quindi la possibilità di segmentare una combinazione di più categorie basate anche sull’analisi di profili anagrafici e di interessi.

Nel frattempo, abbiamo voluto condividere la fotografia dell’attuale situazione a livello mondiale sulla nostra piattaforma, per quanto riguarda la Top 5 delle categorie di podcast sulle quali si hanno maggiori ricavi dalla pubblicità.

Emerge come la categoria “Cronaca Nera” (o “True Crime”) sia quella che raccoglie più investimenti in adv. Al secondo posto “Cultura e Società”, l’ampia categoria che al suo interno conta sia podcast narrativi sia show su temi culturali, talk su biografie, ecc. Al terzo posto troviamo “Sport”, che resta sempre una delle categorie a livello mondiale più redditizie e preferite dagli inserzionisti, al quarto “Comedy,” categoria dentro cui ricadono show comici, infine “Storia” con mini documentari, approfondimenti storico-politici, ecc.

Per scoprire quello che facciamo visitate https://www.spreaker.com.
E se volete mettervi in contatto con noi
👉 marketing@spreaker.com

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.