di Davide Panza, CMO di MDE – Audio Strategy

Sono passati cinque anni da quando Mirko e io andammo per la prima volta nella sede di IAB Italia a parlare con il direttore. Argomento: la stesura del primo White Paper sul digital audio advertising. Un impegno importante quello di scrivere i presupposti e le modalità con cui il digital audio dovesse essere venduto e acquistato. E che ci sentimmo onorati di prendere in virtù anche del nostro essere i partner italiani di Triton Digital (leader globale di tecnologia e servizi per il settore dei podcast e degli audio digitali), sodalizio che prosegue tutt’ora.

Fu così che ci trovammo al tavolo con diverse società molto più blasonate e centinaia di volte più grandi di noi. Con grande dedizione coordinammo quel lavoro che venne presentato ufficialmente al mercato a ottobre 2017 in un evento tutto nostro, in cui ospitammo IAB. Fu un grande onore e il primo passo concreto del nostro posizionamento non come podcast creator, ma come esperti di mercato che integrano l’audio nelle strategie di comunicazione dei brand (noi la chiamiamo audio strategy).

Da quell’ottobre non ci siamo mai fermati nel cercare di far crescere il comparto del digital audio a prescindere dai nostri interessi diretti, perché siamo fermamente convinti che partecipare alla costruzione corretta del nostro mercato e alla disseminazione di nozioni e comportamenti finalizzati alla crescita del comparto faccia bene a tutti.

Ed ecco che mentre Mirko ha appena concluso il lavoro all’OBE Podcast Commitee per la redazione del primo White Paper sul branded podcast (qui la composizione del Tavolo di Lavoro e il link per scaricare il documento), io mi trovo a coordinare i lavori, in compagnia della bravissima Cristina Pianura, per la seconda release della “Digital Audio Buyers Guide” di IAB Italia.

Lo facciamo per interesse personale? Ci guadagniamo qualcosa? Di sicuro non direttamente, ma siamo convinti che un mercato con regole e documenti chiari e condivisi, dove le informazioni fondanti vengono elaborate e diffuse da autorevoli e riconosciuti organismi, sia un buon posto dove impegnarsi per far crescere una sana idea imprenditoriale e di business.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.