L’Investor Day 2022 di Spotify

Settimana scorsa alcuni top manager di Spotify, tra cui l’amministratore delegato Daniel Ek e il direttore finanziario Paul Vogel, hanno raccontato ai loro investitori qual é la situazione dell’azienda, quali progressi ha fatto e quali sono gli obiettivi e le aspettative per il futuro. L’evento, il primo da quando Spotify si è quotata in borsa nel 2018, si è svolto negli uffici dell’azienda a New York (un campus con ogni genere di comfort nel distretto finanziario). Vi lascio qui sotto alcune delle cose più interessanti che sono emerse per quanto riguarda l’audio parlato: Spotify continua a essere «un’azienda che si occupa soprattutto di musica», ma si sta «espandendo sempre di più oltre la musica».

Daniel Ek, il ceo e fondatore di Spotify

  • Nel 2021 il business dei podcast su Spotify è cresciuto del 300% rispetto all’anno precedente, generando 200 milioni di euro di ricavi. Circa il 30% della base utenti, ovvero oltre 125 milioni di utenti mensili, ha ascoltato podcast nel primo trimestre del 2022 (si tratta del 7% delle ore totali di ascolto sulla piattaforma in quel periodo).
  • Nel 2021 il business dei podcast ha però registrato un margine lordo negativo pari a -57% e le perdite dovrebbero raggiungere il picco quest’anno. Nel primo trimestre Spotify ha monetizzato solo il 14% degli ascolti dei podcast sulla piattaforma.
  • D’altra parte, Spotify ritiene che i podcast possano raggiungere un margine lordo del 40%-50% entro i prossimi cinque anni, superiore all’obiettivo di margine lordo per la musica – pari al 30%-35%.
  • Maya Prohovnik, la nuova head of talk di Spotify, ha definito il feed RSS una tecnologia obsoleta e limitante (molti, fuori da Spotify, non sono d’accordo).

Maya Prohovnik, la nuova head of talk di Spotify

  • Il 75% dei podcast su Spotify – ossia tre milioni di podcast – proviene da Anchor. Ogni nuovo show creato su Anchor porta in media 2,5 utenti attivi mensili al servizio. Ciò significa che attraverso i podcast su Anchor Spotify ha guadagnato 7,5 milioni di utenti.
  • Spotify ospita oggi circa quattro milioni di podcast, di cui mille originali o esclusivi. Di questi mille, 18 sono tra i top 100.
  • Spotify vuole investire maggiormente nel settore degli audiolibri, che dovrebbe avere margini superiori al 40% ed essere «altamente accrescitivo» per l’azienda. Il settore sta crescendo del 2% su base annua ed Ek si aspetta che tra qualche anno varrà 70 miliardi di dollari, contro i 10 attuali.
  • L’azienda vuole investire in altre tre aree. Come ha scritto Podnews, si tratta di News, Sport ed Educazione.
  • Secondo Ek l’azienda raggiungerà 100 miliardi di dollari di fatturato nel prossimo decennio, un margine lordo del 40% e un margine operativo del 20%.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.